TUTORIAL CHARMS “TORTA ALLE FRAGOLE”

Ilaria Lenzitti

http://www.facebook.com/NonSonoCaramelle

 

MATERIALE

Paste polimeriche (bianco, giallo girasole, rosso e bianco perlato) – cutter – lama liscia – dot tool – tagliapasta tondo (diametro 3cm) – stuzzicadenti – n° 8 chiodini a “9” (o occhiello) – pinza a punta piatta – lucido a base d’acqua + pennellinoila1

FASE 1 Mescola il bianco con una punta di giallo girasole fino ad ottenere il colore del pan di spagna

FASE 2 Stendi la pasta con uno spessore di 3mm circa e con il tagliapasta ottieni due dischetti

FASE 3 Con il rosso ottieni un dischetto identico ai precedenti, ma con spessore di 2mm circa

FASE 4 Prendi lo spazzolino e crea l’effetto “biscotto” da un solo lato del primo dischetto. Questa sarà la base della nostra torta

FASE 5 Sovrapponi i tre dischetti nel seguente ordine: pan di spagna (con il lato “biscotto” verso il basso), rosso, pan di spagna e cerca di unirli il più possibile

FASE 6 Sempre con il rosso stendi una sfoglia abbastanza sottile e ricopri la torta facendola aderire perfettamente

FASE 7 Taglia la torta in 8 fette utilizzando la lama ed inserisci in ognuna il chiodino a “9” aiutandoti con la pinza piatta per non deformare le fettine

FASE 8 Con l’aiuto dello s  tuzzicadenti crea l’effetto pan di spagna

ila2

FASE 9 Usa il bianco perlato per formare 8 roselline  e posizionane una su ogni fetta facilitandoti il lavoro con il dot tool

FASE 10 Inforna per 30 minuti a 110° e successivamente lascia raffreddare

FASE 11 Una volta raffreddate, con un pennellino passa uno strato leggero di lucido e lascia asciugare. Utilizzale come più ti piace!!!ila3

Wedding Day ” MI VUOI SPOSARE ?? “

18Domenica 7 Aprile nella lussuosa atmosfera del Monastero di Cherasco con la collaborazione di Federica Cerri è stato organizzato un Wedding Day al quale le coppie di giovani sposi partecipanti hanno potuto trovare una serie di servizi per poter preparare al meglio il loro giorno più bello.

 Il Monastero di Cherasco – Somaschi Hotel, è un imponente complesso fondato dai Padri Somaschi nel XVI secolo e riportato al suo antico splendore dopo un attento restauro che ha permesso l’integrazione, nell’ antica struttura, di tutti i servizi di un moderno hotel di charme composto da 21 camere.

Gli ospiti sono accolti nel giardino del chiostro e raggiungono la sala eventi, al primo piano, risalendo lo scalone monumentale, per ritrovarsi in un ambiente decorato con affreschi e illuminato da una maestosa vetrata che incornicia il Monviso.
La struttura ha la capienza massima di 400 persone, suddivise tra la sala principale e il teatro.
L’offerta gastronomica del Marachella Ristorante è curata dalle sapienti mani dello chef Moreno Grossi che ha il compito di rivisitare in chiave contemporanea le antiche ricette del territorio lasciando inalterati i gusti e i profumi che trapelano dalla terra:piatti raffinati dai sapori semplici accompagnati dal giusto abbinamento dei vini autoctoni (Info di Federica Cerri)

Nella sala principale della location,tutti noi espositori abbiamo potuto preparare il nostro tavolo in modo da accogliere al meglio le coppie che avrebbero voluto avere la consulenza.

Eravamo molti professionisti del settore wedding piemontese.

Abiti da sposa: La Boutique de La Mode di Stilista Francesca

Abiti da sera : Patry Cuore Blue giorno

Gioielli da sposa: Atelier Gioe di Emanuela Giordana

Foto & Video: Torino Foto di Davide Testa

Trucco: Precision Make Up di Rosanna Dell’Olio

Organizzazione Eventi: Emozioni e Strani Eventi di Chiara Gori

bouquet alternativi e molto altro: La casa di Tania di Tania Repetti

Fiori: Rose&Cose

Caricature: Gianni Soria

Bomboniere: Gocciole di Rugiada di Vittorina Bordino

Soprano: Daniela Catalano

Pianista: Nàtalia zaccon

Torino Sposi Web: portale dedicato agli sposi

Confettate, bomboniere, partecipazioni:
Confettitullefantasia Bomboniere

Gli ospiti hanno potuto ammirare gli splendidi abiti da sposa e da cerimonia della Stilista Francesca della Boutique De La Mode abbinati ai gioielli dell’Atelier Gioe di Emanuela Giordana in una bellissima sfilata.

 Inoltre è stato allestito da Chiara Gori WP un photo booth ovvero si tratta di piccoli set allestiti alla location del ricevimento con una macchina fotografica, nei quali sposi ed invitati possono andare a scattarsi tante foto allegre, buffe e scherzose o anche solo stravaganti, spesso con oggetti di scena per rendere il tutto ancora piu’ movimentato.19

 La sottoscritta Gocciole di Rugiada Creazioni in FIMO ha partecipato all’evento con alcune novità per quanto riguarda le Bomboniere e , Novità 2013 “ I Calici degli Sposi” per il brindisi . Tutto realizzato in FIMO o all’Uncinetto , interamente a mano e senza l’uso di stampi. Vero artigianato italiano per un giorno da non dimenticare.

Non è mancata l’esibizione di Daniela Catalano , cantante Soprano accompagnata dalla sua pianista Nàtalia. che per l’occasione hanno indossato due mie creazioni personalizzate !!

di seguito altre foto della giornata :

vitt1

Grazie a tutti i partecipanti e agli amici espositori con i quali ho trascorso una bellissima giornata !!

                                Gocciole di Rugiada Creazioni in FIMO

Orecchini “Lovely Easter”

Ti servono…

materiali

Paste polimeriche (bianco perlato, rosa acceso, dorato, lilla) – cutter – dot tool – un pezzo di filo di ferro – 2 chiodini a “T” – 2 monachelle – pinza a punta piatta – pinza a punta conica – tronchesina – lucido a base d’acqua + pennellino

Come procedere…

tuto

Con una pallina di pasta polimerica bianco perlato crea la classica forma dell’uovo (alto circa 2 cm), con la base più larga e la punta più stretta.

Con la pasta rosa acceso crea un sottile dischetto e ricopri la base dell’uovo per 1/3.

Aiutandoti con la pinza piatta inserisci delicatamente il chiodino a “T” dal basso verso l’alto, in modo da non deformare l’uovo.

Crea un serpentello abbastanza sottile con la pasta polimerica lilla, taglialo in 7 parti uguali ed applicale sulla base rosa in verticale dall’alto verso il basso.

Forma 10 palline di pochi mm con il rosa acceso e realizza dei piccoli petali (5 per ogni fiore). Con l’aiuto del pezzo di filo di ferro dai loro la forma di un cuore appena accennato.

Aiutandoti con il dot tool, posa i petali precedentemente creati sulla parte bianca dell’uovo formando un fiore. Ripeti l’operazione con i petali restanti posizionandoli sul lato opposto.Con la pasta dorata crea 2 palline di pochi mm e posizionale al centro dei due fiori.

Con la pasta polimerica lilla, forma 4 palline; dai la forma delle foglie e con l’ausilio del cutter incidi le venature. posizionane 2 su un lato e 2 sull’altro nella parte bianca tra i due fori.
Inforna per 30 minuti a 110°C e successivamente lascia raffreddare.

Con un pennellino passa uno strato leggero di lucido e lascia asciugare.
Taglia la parte di chiodino in eccesso e con la pinza a punta conica crea l’occhiello, inserisci la monachella e chiudilo accuratamente.

orecch

Ilaria Lenzitti

NonSonoCaramelle

Orecchini in Pasta Polimerica con “Pulcini”

Ti servono…

Paste polimeriche (arancio, giallo, nero) – 2 gancetti con occhiello – 2 monachelle – 2 perline – 2 spilloni – lama di un taglierino

Come procedere…

1

Prendi la pasta polimerica colore arancio e realizza 2 ovali simmetrici di circa 2cm l’uno, saranno la base per i faccini dei pulcini.

Prendi altre 2 palline piccine di colore arancio, appiattiscile con le dita ed allungale leggermente da un lato, per creare i 2 ciuffetti, posizionali in cima agli ovali appena creati.

prendi ora la pasta polimerica gialla e crea altre 2 palline, formando però un piccolo cono con i polpastrelli; per creare la forma del becco, ti basta solo segnare con un taglirino il centro dei piccoli coni e posizionarli al centro dei faccini.

Prendi la pasta polimerica nera e realizza 4 piccole palline per gli occhi e posizionali ai lati del becco appena creato.

Inserisci i gancetti in cima alla faccina.

Cuosi i 2 pulcini in forno ventilato per 30 minuti a 110°C, usando una teglia con carta forno sul fondo.

Sforna le creazioni e monta i charms appena creati con le perle e le 2 monachelle.

Buon lavoro e buona Creatività a tutti!

Stefania Sciusco

Passioni di Fimo

Portatovagliolo “Fiori di pesco”

“Voglia o non voglia, non c’è Pasqua senza foglia!”.
Queste sono le parole che, fin da piccolina, la mia nonna mi ripete ogni anno in questo periodo. Che l’inverno sia stato freddo e rigido, o più mite e con scarse nevicate, non c’è stato anno a memoria mia che il proverbio abbia sbagliato!

Per questo quando penso alla Pasqua, oltre a “pulcini-uova-coniglietti” mi viene subito alla mente l’albero di pesco in fiore davanti casa, in procinto di lasciar spuntare timidamente le prime foglioline.

Da questo ricordo è nato il mio tutorial…

Cosa ti serve…

Paste polimeriche (rosa confetto, verde, bianco) – pigmenti (rosa fenicottero, verde scuro, trasparente con brillantini) – nastro verde mela e rosa (80 cm ciascuno) – filo (rosa e verde) – taglierino – stuzzicadenti – pennelli  – forbici – ago – lucido a base d’acqua

1

Come procedere…

Inizia creando le sfumature della pasta polimerica, uniamo parti uguali di rosa e bianco, e sfumiamo più volte la pasta verde mela con diverse quantità di verde scuro, verde menta e bianco, cercando le tonalità che più si abbinano al nostro nastro. Dividiamo la pasta rosa in modo da ottenere: 2 coni (alt. 15 mm e larg. 5 mm), 10 palline grandi (diam. 6 mm), 3 palline medie (diam. 4 mm), 6 palline piccole (diam. 1,5 mm). Lavoriamo le paste verdi creando palline di diverso diametro (min. 5 mm e max. 10 mm).

Formiamo i petali con le 10 palline grandi, schiacciandole appena da un lato ed appiattendole, e componiamo la corolla attorno ai due coni. Aiutiamoci con le dita per dare una forma arcuata verso l’alto al fiorellino, e nel centro posizioniamoci le palline piccole. Per il bocciolo invece, schiacciamo le tre palline medie; una di questa verrà arrotolata su se stessa e sarà il centro su cui attaccare gli altri due petali. Allunghiamone ora la base, come da immagine. Con pochissimo pigmento rosa sfumiamo il centro dei fiorellini ed infine doniamo un tocco di luce al bordo dei petali con del pigmento a brillantini.

Utilizziamo un po’ di pasta avanzata rosa per creare una base ovale spessa almeno 3 mm e largo 30 mm, che andremo a forare il bordo con uno stuzzicadenti: questi saranno i forellini in cui passare l’ago per fissare la creazione in pasta polimerica sul portatovagliolo di nastro.

Con la pasta verde, cerchiamo di dar una forma allungata alle foglioline e incidiamone le venature su un lato, utilizzando il retro di una lama del taglierino. Infine con pochissimo pigmento verde, sfumiamone la superficie.

Ora che abbiamo tutti gli elementi, iniziamo a comporre il nostro mazzetto di fiori e foglie secondo la nostra fantasia. Aiutiamoci con le basi a cono dei fiori per assemblarli tra loro, ed attacchiamo le foglioline direttamente ai petali. Pressiamo infine la composizione alla base aiutandoci con un utensile per lavorare il dash.
Cuociamo la creazione in forno già caldo seguendo le istruzioni indicate sulla confezione di Pasta Polimerica (solitamente a 110°C per 30 minuti), e una volta raffreddato, verniciamo la creazione con l’apposita vernice e lasciamo asciugare per una giornata.

Adesso pensiamo al porta tovagliolo. Per evitare che i bordi del nastro si sfilaccino, cuciamo l’orlo alle estremità. Aiutandoci poi con un tovagliolo, annodiamo i nastri non troppo stretti avendo cura che il nastro più largo (verde) risulti a contatto con il tovagliolo; quindi creiamo il fiocco.

Assembliamo infine il portatovagliolo, cucendo il fiocco alla creazione di pasta polimerica in almeno tre forellini (questo numero assicurerà che la composizione rimanga stabile).

2

Samantha Canal

Capricci di Gatta

Blog